Ruota di Deming: esempio e significato del metodo

La ruota di Deming, o metodologia PDCA, è un particolare metodo di analisi e di risoluzione dei problemi conosciuto e applicato in tutto il mondo per affrontare in maniera più coerente e ordinata ogni criticità e, soprattutto, quelle che sono relative alla propria attività imprenditoriale o professionale.

Si tratta pertanto di un metodo per affrontare e risolvere i problemi di business: una vera e propria guida che potrà essere facilmente applicata anche nella propria organizzazione per agevolare un processo di problem solving decision making.

Ma cosa si intende per Deming cycle? Da cosa è composto il ciclo di Deming? E, ancora, come possiamo sfruttare al meglio la tecnica PDCA per i nostri obiettivi di miglioramento e di efficientamento?

Il significato della ruota di Deming

La ruota di Deming è così chiamata in riferimento a William Edwards Deming, un noto studioso, docente e manager statunitense del ‘900, che nei suoi studi per il miglioramento produttivo fu in grado di trarre spunto dalla sua esperienza in Giappone e dal metodo Kaizen per realizzare il ciclo PDCA, un acronimo composto dalle iniziali delle quattro fasi in cui è possibile suddividere il processo di problem solving:

  • Plan: pianificare prima di avviare ogni attività risolutiva
  • Do: realizzare ciò che si è pianificato
  • Check: controllare e misurare i risultati delle attività
  • Act: standardizzare il processo risolutivo o ripeterlo.

Il ciclo, in relazione alla necessità di dar seguito a un processo continuo all’interno della propria organizzazione, è rappresentato graficamente con un cerchio. O, appunto, con la ruota di Deming.

Nelle prossime righe cercherò di affrontare con maggiore puntualità ciascuna delle fasi in cui è possibile suddividere la ruota di Deming e in che modo le relative azioni possano essere tradotte in concretezza in ciascun business, al fine di individuare e risolvere i problemi più comuni o più specifici.

Plan: come individuare il problema

Il punto di avvio della ruota di Deming è rappresentato dall’individuazione del problema da affrontare, che dovrà essere esaminato in tutti i suoi aspetti principali. Dovrà altresì essere condivisa la ragione per cui si è scelto di affrontare questo problema, soffermandosi con particolare attenzione sulla necessità di verificare dati e fatti oggettivi.

I dati che sono utilizzati per la fase di planning devono essere significativi e rappresentativi. Come tali, devono essere prodotti in una forma utile per le proprie analisi statistiche, e devono essere in grado di garantire una corretta rappresentazione del problema che si vuole cercare di risolvere.

Fatto ciò, si potrà procedere con l’individuare il proprio target, con i tempi, gli indicatori di performance e gli strumenti di controllo per raggiungerlo. Bisognerà inoltre trovare una condivisione sulle cause che hanno condotto all’emersione del problema, e alle azioni correttive più efficaci.

Do: il passaggio all’azione

Una volta terminata la prima fase della ruota di Deming si potrà procedere con la realizzazione del secondo step, il passaggio all’azione. In questo step bisognerà predisporre tutti gli interventi che si sono pianificati nel planning, coinvolgendo le persone che potrebbero intervenire nelle azioni correttive.

Check: il confronto con le previsioni

Come intuibile, nella terza fase bisognerà verificare l’effettiva realizzazione delle azioni correttive nei tempi e nei modi programmati. Il confronto tra la situazione ex-ante e quella ex-post sarà in grado di far comprendere al decision maker se si è proceduto nella direzione corretta (quella della risoluzione del problema) o se invece il ciclo posto in essere non è stato in grado di risolvere le cause dell’inefficienza.

Act: agire per standardizzare (o per riprovarci!)

Si giunge così all’ultima fase, quella dell’acting, nella quale la soluzione trovata dovrà essere standardizzata in maniera tale che le azioni correttive possano entrare a far parte della routine della propria organizzazione. Naturalmente, nel caso in cui le azioni correttive non fossero state sufficienti per conseguire un obiettivo desiderato, si potrà procedere con il riavvio del ciclo e, con esso, con l’individuazione di nuove e più efficaci soluzioni.

Se vuoi saperne di più su quali siano le soluzioni migliori per rendere ancora più efficiente la tua organizzazione e risolvere ogni problema di business, ti invito a contattarmi e richiedere una consulenza aziendale: scopriremo insieme come dare un nuovo impulso alla tua attività!

Sei interessato alla Consulenza di Strategia e Business?

Scarica ORA GRATIS ​il report intitolato:

“Come PRENDERE DECISIONI di BUSINESS senza rischi"

Vuoi davvero trasformare la tua azienda in una macchina da soldi?
Non perdere altro tempo con consulenze teoriche e accademiche, scopri qual è il metodo giusto per realizzare il tuo obiettivo

Torna su