Cercare sponsor per la tua azienda: come riuscirci in pochi e semplici passi

cercare sponsor

Se la tua azienda si sta accingendo a lanciare un nuovo progetto con cui supportare gli obiettivi di vendita e la crescita del fatturato, potrebbe essere utile dare una marcia in più alle tue ambizioni cercando uno sponsor che possa sostenere finanziariamente le tue idee, contribuendo a darle la giusta forma.

Ma come cercare uno sponsor? Ci sono dei passaggi fondamentali che non dovresti saltare per trovare uno sponsor in tempi rapidi e senza perdere preziose energie?

Nelle prossime righe ho cercato di riepilogare alcune informazioni utili su come trovare uno sponsor, qualsiasi sia il tuo settore di riferimento e l’entità del tuo progetto: condividiamole insieme!

Sponsor per azienda: a ciascuno il suo!

La prima cosa che ti consiglio di fare è quella di individuare il potenziale sponsor coerentemente a quello che la tua azienda vuole fare e alla natura del progetto che intendi lanciare.

Anche se non sei un grandissimo esperto di sponsorship, potrai ben comprendere che non ha alcuna utilità contattare un piccolo finanziatore se il tuo obiettivo è quello di realizzare un progetto internazionale che richiede milioni di euro di risorse.

Per la stessa logica, non avrebbe senso perdere tempo a contattare una società petrolifera dalla cattiva nomea ambientale se invece la tua finalità è quella di supportare il lancio di un nuovo progetto sulle energie rinnovabili!

Trovare uno sponsor: presentarsi bene al potenziale finanziatore

Una volta che hai scritto una lista dei potenziali sponsorizzatori, giunge il momento di contattarli singolarmente per capire se siano effettivamente interessati a partecipare al tuo progetto.

Prima di armarti di e-mail, telefono o altro strumento di comunicazione che ritieni più opportuno, abbi però cura di predisporre un piano di sponsorizzazione che possa descrivere la tua azienda, quello che vuoi fare e perché stai cercando uno sponsor.

In particolare, è bene che la presentazione del piano di sponsorizzazione includa:

  • una breve descrizione della tua impresa e degli esponenti rilevanti (management, altri soci, ecc.)
  • i dettagli del progetto che intendi finanziare attraverso le sponsorizzazioni
  • i vantaggi riservati a chi sceglie di sponsorizzarti (per esempio, in termini di reputazione).

Anche se in alcuni siti troverai il consiglio di lavorare alacremente per realizzare un piano di sponsorizzazione molto strutturato, in realtà in questa prima fase ti suggerisco di creare un documento breve, di una o due cartelle editoriali, che servirà per catturare l’attenzione del potenziale sponsor.

I dettagli della sponsorizzazione potranno essere invece discussi in un secondo momento o, se preferisci, in uno specifico allegato.

Cercare lo sponsor: è giunto il momento di contattarli!

Arriviamo dunque al terzo step, quello del contatto. Invia l’invito alla sponsorizzazione ai destinatari che hai individuato nella prima fase, facendo attenzione a:

  1. personalizzare gli inviti indicando il nome e il riferimento di ogni finanziatore, evitando in questo modo di dare l’impressione che la tua azione sia equiparabile a quella di colui che lancia l’esca a chiunque voglia abboccare
  2. dopo la spedizione dell’invito attendi 4-5 giorni e poi contatta telefonicamente il potenziale finanziatore per capire se ha ricevuto l’invito e se può essere interessato ad essere coinvolto nella tua proposta.

Riponendo la giusta attenzione in ciascuna di queste fasi, sono certo che riuscirai a trovare ben presto gli sponsor più utili per la tua azienda o lo sponsor per un evento.

Se tuttavia ti serve una mano per migliorare l’efficacia di queste azioni, o ritieni di non avere il tempo, la struttura aziendale o le competenze necessarie per cercare uno sponsor, ti invito a contattarmi per richiedere una consulenza strategica: vedremo insieme  come ottenere nuove sponsorizzazioni che siano propedeutiche ai tuoi progetti.

Scarica ORA GRATIS ​il report intitolato:

“Come aumentare fatturato e margini"

Senza bruciare tempo e denaro in attività inutili e costose, grazie al metodo Strategia e Business

Scroll to Top
Torna su