Costi diretti e indiretti: definizione, differenze ed esempi

costi diretti e indiretti

Quando si tratta di analizzare il conto economico di un’azienda, la ripartizione tra costi diretti costi indiretti costituisce un buon momento di osservazione dell’andamento delle spese caratteristiche ed extra-caratteristiche della propria organizzazione, e del loro contributo sul risultato finale.

Per questo motivo, nelle prossime righe cercherò di fare il punto sulla distinzione tra tali voci contabili, affrontando alcuni esempi di costi diretti e indiretti. Ma andiamo con ordine!

Cosa sono i costi diretti

costi diretti sono definibili come tutte le spese che un’azienda sopporta in relazione alle risorse direttamente correlate alla produzione dei beni e/o dei servizi offerti.

Costituiscono esempi di costi diretti quelli legati all’acquisto di materie prime, al personale occupato in una specifica linea produttiva e al conseguimento di ogni risorsa direttamente necessaria per il processo produttivo.

Cosa sono i costi indiretti

Di contro, i costi indiretti sono quelli che l’azienda sostiene per il corretto funzionamento dell’intera attività organizzativa. Sebbene siano comunque funzionali alla realizzazione del processo produttivo, non sono necessariamente connessi in modo univoco al processo caratteristico aziendale.

Alcuni esempi di costi indiretti sono tipicamente costituiti dalle spese per le utenze (luce, gas, acqua), la locazione, le spese generali dell’azienda, le assicurazioni, e così via.

Come capire se un costo è diretto o indiretto

Ferma restando l’introduzione di cui sopra, non sempre è così semplice comprendere se un costo sia diretto o indiretto. Ma come orientarsi dinanzi a tali perplessità?

In linea di massima, il modo migliore per determinare se un costo è un costo diretto è confrontare le variazioni dello stesso con le variazioni dell’oggetto di costo associato: valutato infatti che i costi indiretti si ricollegano alla generalità dell’attività aziendale (o, comunque, a più ambiti aziendali), gli stessi non possono essere connessi in modo così proporzionale a specifici oggetti di costo.

Insomma, pur con le dovute esigenze di sintesi, i costi diretti sono costi che variano in misura significativa e prevedibile al variare del volume di prodotto e, dunque, sono generalmente considerati come costi variabili. I costi indiretti invece non hanno sempre mutazioni così significative all’interno di determinati volumi di prodotto e, dunque, sono prevalentemente considerati costi fissi.

Perché è importante capire se un costo è diretto o indiretto

A questo punto potresti probabilmente domandarti perché sia importante classificare correttamente i costi diretti e indiretti.

Ebbene, questa accortezza ti consentirà di ottenere importanti benefici in termini di valutazione e pianificazione, perché potrai:

  • determinare in misura più attendibile il costo del prodotto finale e, di conseguenza, adottare delle politiche di prezzo più consapevoli. L’errore di calcolare il costo del prodotto sulla base dei soli costi diretti è molto più frequente di quanto pensi;
  • verificare se vi siano margini di ottenimento di contributi e altre sovvenzioni che, spesso, nei relativi bandi di concessione fanno molto affidamento sui livelli dei costi diretti di un progetto, piuttosto che di quelli indiretti;
  • migliorare le tue capacità di previsione e di budgeting, perché solamente se sei in grado di comprendere puntualmente quanto stai pagando per il processo realizzativo di un prodotto potrai preventivare correttamente le fonti di copertura, evitando pericolose sottostime, o inefficaci sovrastime.

Insomma, come abbiamo avuto modo di vedere, essere pienamente consapevoli dei costi diretti e indiretti ti consentirà di ottenere una visione notevolmente migliore delle condizioni economico – finanziarie della tua azienda e, così facendo, porre le basi per migliorare l’efficienza e l’efficacia di tutta l’organizzazione.

Ora che hai qualche informazione in più sui costi diretti e indiretti, se vuoi scoprire come migliorarne l’analisi e aiutarti a risparmiare, non devi far altro che contattarmi: verificheremo insieme quali sono le condizioni di salute della tua azienda e come possiamo portarla verso nuovi traguardi!

Sei interessato alla Consulenza di Strategia e Business?

Scarica ORA GRATIS ​il report intitolato:

“Come aumentare fatturato e margini"

Senza bruciare tempo e denaro in attività inutili e costose, grazie al metodo Strategia e Business

Torna su