Rendiconto finanziario Metodo Indiretto: definizione e schema

rendiconto finanziario metodo indiretto

Il rendiconto finanziario Metodo indiretto è un documento contabile, inserito all’interno del bilancio d’esercizio, che fornisce all’imprenditore indicazioni utili per capire per quale motivo una risorsa finanziaria abbia subito delle variazioni nel corso di un determinato periodo di tempo, generalmente coincidente con un anno.

L’utilità è evidente: mentre lo stato patrimoniale è in grado di scattare una fotografia sulla situazione – appunto – patrimoniale dell’impresa in un dato istante, e il conto economico esprime valori di flusso meramente economici, il rendiconto finanziario è in grado di far comprendere al lettore come l’impresa è riuscita a generare, impiegare e raccogliere liquidità.

Rendiconto finanziario Metodo diretto e indiretto

Premesso quanto sopra, ricordo che in sede di analisi del bilancio il rendiconto finanziario può essere realizzato ricorrendo a due metodi alternativi:

  • rendiconto finanziario Metodo diretto
  • rendiconto finanziario Metodo indiretto.

Pur senza scendere in eccessivi dettagli, evidenzio come la differenza tra i metodi riguarda sostanzialmente il calcolo dei flussi di cassa dell’attività operativa:

  • con il metodo diretto si indicano gli incassi e i pagamenti che sono correlati alla gestione operativa
  • con il metodo indiretto si parte dall’utile d’esercizio e si risale procedendo, con una serie di rettifiche, al fine di sterilizzare i flussi dell’attività operativa da quelli prodotti dalle attività finanziarie e di investimento.

Schema rendiconto finanziario Metodo Indiretto

Proviamo ad approfondire in dettaglio in che modo sia possibile realizzare il rendiconto finanziario con lo schema del metodo indiretto, ricordando come la sua costituzione preveda la partenza dall’utile netto fino a giungere alla determinazione degli incassi e degli esborsi, eliminando tutto ciò che non ha natura monetaria.

  1. Flussi finanziari derivanti dall’attività operativa (metodo indiretto)

Utile (perdita) dell’esercizio

Imposte sul reddito (+)

Interessi passivi/(interessi attivi) (+/-)

Dividendi (-)                

(Plusvalenze)/minusvalenze derivanti dalla cessione di attività (+/-)

  1. Utile (perdita) dell’esercizio prima d’imposte sul reddito, interessi, dividendi e plus/minusvalenze da cessione

Rettifiche per elementi non monetari che non hanno avuto contropartita nel capitale circolante netto

Accantonamenti ai fondi (+)             

Ammortamenti delle immobilizzazioni (+)

Svalutazioni per perdite durevoli di valore (+)            

Rettifiche di valore di attività e passività finanziarie di strumenti finanziari derivati che non comportano movimentazione monetaria                                    

Altre rettifiche per elementi non monetari (+)

  1. Flusso finanziario prima delle variazioni del CCN =

Variazioni del capitale circolante netto

Decremento/(incremento) delle rimanenze (+/-)                 

Decremento/(incremento) dei crediti vs clienti (+/-)                        

Incremento/(decremento) dei debiti verso fornitori (+/-)

Decremento/(incremento) ratei e risconti attivi (+/-)

Incremento/(decremento) ratei e risconti passivi (+/-)

Altre variazioni del capitale circolante netto (+/-)

  1. Flusso finanziario dopo le variazioni del CCN =  

Altre rettifiche                         

(Imposte sul reddito pagate) (-)

Interessi incassati/(pagati) (+/-)

Dividendi incassati (+)

(Utilizzo dei fondi) (-)

Altri incassi e pagamenti (+/-)

  1. Flusso finanziario dopo le altre rettifiche =

Flusso finanziario dell’attività operativa (A) =           

Come risulta evidente dallo schema sopra riassunto, attraverso tale modalità espositiva sarà possibile visualizzare la formazione e la gestione di tre macro aree. Scorgiamole insieme, in sintesi.

Flusso di cassa della gestione operativa

È di norma la principale attività generativa di ricavi per l’impresa ed è il metro di misura del modo con cui l’attività dell’impresa ha generato flussi finanziari utili per svolgere la propria attività caratteristica, rimborsare prestiti, pagare dividendi, finanziare nuovi investimenti.

Flusso di cassa da attività di investimento

Include l’acquisto e la cessione delle attività immobilizzate e di altri investimenti finanziari che non sono ricompresi nelle disponibilità liquide dell’organizzazione.

Flusso di cassa da attività di finanziamento

Sono le attività che impattano sulla variazione della dimensione e della composizione del capitale netto e dei finanziamenti conseguiti dall’impresa.

Se desideri saperne di più su come realizzare il rendiconto finanziario e ottenere le migliori informazioni da esso, ti invito a contattarmi mediante questo form.

Sei interessato alla Consulenza di Strategia e Business?

Scarica ORA GRATIS ​il report intitolato:

“Come aumentare fatturato e margini"

Senza bruciare tempo e denaro in attività inutili e costose, grazie al metodo Strategia e Business

Torna su